Come installare una telecamera nascosta

Una telecamera nascosta di dimensioni molto piccole

Se vuoi installare una telecamera nascosta in casa, sei nel posto giusto. In questa mini-guida scoprirai come piazzare una o più microcamere nei punti cruciali della tua abitazione.

Una telecamera nascosta è uno straordinario strumento di sorveglianza. Discrezione ed efficacia sono le sue caratteristiche.

Puoi servirtene per:

  • proteggere documenti, gioielli o altri valori da ladri o malintenzionati
  • tenere d’occhio il personale di servizio, i propri figli o un anziano non autosufficiente
  • giocare uno scherzo agli amici e monitorarne le reazioni.

Installare una telecamera nascosta non è affatto difficile. In commercio esistono microcamere molto piccole. Alcune sono già occultate in oggetti di uso comune, altre possono essere facilmente nascoste e rese invisibili.

Sei pronto? Incominciamo!

Cos’è una telecamera nascosta?

Quando si parla di telecamere o videocamere, distinguiamo tra:

  • sistemi di sorveglianza “classici”
  • microcamere (o telecamere spia)

I sistemi di videosorveglianza rappresentano una soluzione affidabile ma ingombrante. Si parla di telecamere IP perché i dispositivi sono connessi a internet. Trasmettono il flusso video su reti LAN o WAN.

I sistemi più costosi possono prevedere anche un registratore (NVR, Network Video Recorder). In alternativa il salvataggio può avvenire su NAS (Network Attached Storage), micro SD o Cloud.

I dispositivi di videosorveglianza possono essere wireless (senza fili) o filari. Il cablaggio viene effettuato sotto il pavimento, dietro i battiscopa o dentro i muri.

Le microcamere rappresentano un’evoluzione della telecamera di sorveglianza classica.

Si tratta di videocamere miniaturizzate, con ottiche che possono stare sulla punta di un dito. Si chiamano pin-hole perché sono piccole come uno spillo. Il vantaggio rispetto ai tradizionali sistemi di sorveglianza è che puoi nasconderle facilmente.

Distinguiamo tra:

  • microcamere occultate. Sono nascoste in oggetti di uso comune e accessori. Ad esempio, penne, orologi, occhiali, chiavi, memorie USB. Ma anche lattine, portafoto, soprammobili, raccoglitori ad anelli ecc.
  • microcamere non occultate, ovvero i dispositivi “nudi” ma comunque facili da rendere invisibili.

Su Doctorspy.it trovi un vasto assortimento di telecamere spia professionali, che puoi posizionare dove vuoi.

I modelli in catalogo presentano le seguenti caratteristiche tecniche:

  • wifi
  • DVR integrato
  • HD e full HD
  • lunga durata della batteria
  • infrarossi per visione notturna
  • lettura testi
  • a corrente

Le microcamere wifi dispongono di una app per cellulare. Questa permette di controllare il dispositivo da remoto e vedere in qualsiasi momento quello che la telecamera vede.

Una evoluzione è rappresentata dalla micro telecamera con SIM 4G. Si tratta di un dispositivo dotato di un mini router integrato che permette la connessione wifi. Non è necessario appoggiarsi a una rete esterna. Basta una semplice SIM.

Le spy cam in vendita su Doctorspy.it assicurano una qualità audio e video senza rivali.

Telecamere già nascoste in oggetti e spy cam non occultate

Alcuni modelli di telecamere spia sono in vendita già occultati. Significa che sono inseriti in oggetti di uso quotidiano ed elettrodomestici.

Tra questi:

  • occhiali
  • penne USB
  • casse bluetooth
  • libri
  • tostapane
  • router
  • piante finte
  • supporti per collane
  • deodoranti per ambienti
  • finti auricolari
  • porta fazzoletti
  • orologi da tavolo, da polso, da muro
  • stazioni meteo
  • cornici
  • telecomandi
  • chiavi auto
  • presa elettrica

Posizionare la telecamera è semplice: basta lasciare il prodotto in bella evidenza! Le ottiche sono così piccole che sfuggono a un esame non professionale.

Temi di essere spiato? Leggi il nostro articolo su come trovare telecamere nascoste.

Un oggetto di design su un tavolino in soggiorno, un orologio al muro, un quadretto su una mensola, un elettrodomestico in cucina, non desteranno sospetti.

Diresti mai che si tratta di semplici telecomandi?

In commercio si trovano anche microcamere non occultate. Le dimensioni estremamente ridotte consentono di nasconderle facilmente.

In base alle necessità possono essere installate dietro pannelli, ante, in elettrodomestici, quadri. Basta praticare un forellino per l’ottica, e il gioco è fatto.

I luoghi migliori per nascondere telecamere

Prima di nascondere una telecamera spia in casa o in un qualsiasi ambiente devi valutare due aspetti:

  • occultamento: la telecamera è effettivamente invisibile?
  • posizionamento: l’obiettivo inquadra correttamente ciò che si desidera riprendere?

Nei sistemi di videosorveglianza, il posizionamento è vincolato dalla vicinanza a una fonte di corrente.

La possibilità di nascondere efficacemente questi dispositivi è minima. Se la telecamera è all’esterno, una soluzione potrebbe essere una scocca mimetica. In alternativa, occorre individuare un angolo ben riparato.

Con le telecamere spia è assai più semplice. Vediamo i luoghi più indicati!

Esterno: porta d’ingresso, accessi posteriori e laterali, ingresso garage

Secondo le statistiche, i ladri penetrano in casa soprattutto dalla porta d’ingresso.

Sorvegliare l’accesso principale è importantissimo. E’ utile anche per impedire furti di pacchi o corrispondenza. Nascondere una telecamera nello spioncino o nel pulsante del campanello è un ottimo sistema per evitare brutte sorprese.

Stesso discorso per le porte laterali, gli ingressi posteriori o l’accesso al seminterrato, alla cantina o al garage. Quest’ultimo è un punto delicato per impedire il furto della macchina.

(Le microcamere possono essere installate anche nell’abitacolo dell’auto, assieme ad altri dispositivi di sorveglianza. Vuoi saperne di più? Leggi la guida su dove posizionare microspie in auto!)

Se hai un vialetto, la telecamera spia potrebbe essere occultata in modo da sorvegliare il cortile.

Esterno: giardini, cortili, boschetti privati

Il giardino è un luogo cruciale. Va tenuto sotto controllo per monitorare chiunque guardi la casa, potenziali intrusi, bambini o animali.

Se il giardino è in realtà un’area più ampia (per es. un terreno coltivato, un boschetto o un podere), potrebbe essere opportuno l’installazione di fototrappole.

Interno: il soggiorno, la cucina, le aree comuni e di passaggio (scale, corridoi) della casa

Se la tua esigenza è sorvegliare bambini, babysitter o anziani, gli ambienti come la cucina o il soggiorno sono fondamentali.

Qui puoi scegliere:

  • usare una microcamera nascosta in oggetti
  • installare una microtelecamera non occultata, per esempio dietro pannelli, quadri, mensole, prese di corrente ecc.

La sorveglianza di questi ambienti è utile anche per monitorare il comportamento di animali domestici o personale (idraulici, elettricisti, muratori, imbianchini, donne delle pulizie ecc.)

Sorvegliare le finestre, soprattutto se l’appartamento è ai piani bassi, potrebbe prevenire furti o effrazioni.

Lo studio è il luogo in cui custodiamo i nostri documenti riservati e il nostro lavoro.

Spiare l’accesso al PC è una buona mossa. Puoi farlo con microcamere in portafoto, raccoglitori ad anelli, pennette USB. Puoi inoltre occultare una telecamera sopra la porta o in un lampadario, per riprendere la scena dall’alto.

Sorvegliare la propria camera da letto è importante soprattutto se custodisci gioielli o denaro. Può essere utile una microcamera occultata in un supporto per collana. Oppure installare una spy cam nel bastone delle tende, dietro uno specchio o il televisore, se c’è…

Tenere d’occhio i corridoi serve a controllare il traffico interno nell’abitazione.

Ricorda che esistono microcamere con sensore di movimento, si attivano solo al passaggio di un corpo (uomo o animale che sia). Esistono inoltre microcamere motorizzate, in grado di eseguire una rotazione fino a 330 gradi.

Piazzare una spy cam in prossimità di una scalinata potrebbe prevenire incidenti domestici con bambini o anziani.

Dove NON installare telecamere spia

Esistono alcuni luoghi in cui non è opportuno nascondere una spy cam:

  • Camere da letto o bagni altrui. Si tratta di luoghi particolarmente sensibili. Se la preoccupazione è sorvegliare un bambino o un anziano non autosufficiente, esistono altri strumenti, o posizionamenti più rispettosi dell’intimità. Il soggiorno e gli ambienti comuni, i corridoi, gli ingressi delle stanze… Per non parlare di baby monitor, sensori di movimento alle finestre, sistemi di allerta medica per anziani.
  • Luoghi in comune con i vicini. La sicurezza personale è sacra, ma anche la privacy altrui. Come vedremo nell’ultimo paragrafo, esistono delle leggi in materia di videosorveglianza. Queste difendono il diritto di ciascun cittadino di non essere ripreso. Le telecamere spia posizionate all’esterno non possono inquadrare l’interno di proprietà altrui. Va bene inquadrare estranei, non diffondere le immagini senza il loro consenso.

Nascondere una telecamera in casa o sul posto di lavoro è reato?

Se la microcamera viene nascosta nella propria abitazione, non si commette reato. A patto che le riprese video e audio di terzi non vengano diffuse in rete. In quel caso si cade nell’illecito civile.

Installare una microcamera in un’abitazione altrui, senza il permesso del proprietario o della persona ripresa, è reato (art. 615 del Codice di procedura penale).

Filmare di nascosto un colloquio è reato se ciò avviene nello studio di un medico o un professionista. In generale, le riprese sono possibili nei luoghi pubblici e nei propri luoghi di dimora (casa, studio, auto), ma sempre in presenza (occorre essere fisicamente nel luogo in cui si registra).

Gli unici soggetti che possono sempre piazzare una telecamera nascosta sono le forze dell’ordine. Polizia, carabinieri, guardia di Finanza necessitano comunque dell’autorizzazione di un giudice.

Le telecamere sul luogo di lavoro sono consentite, ma solo per specifiche esigenze. Si tratta dei cosiddetti controlli difensivi: esigenze organizzative e produttive, tutela dei beni aziendali, sicurezza. Certamente non per spionaggio industriale o aziendale.

Il datore di lavoro può installare telecamere solo previa autorizzazione dei sindacati (o dell’ispettore del lavoro). Deve, inoltre, informare i dipendenti

Qualora si abbiano prove che stia commettendo un illecito, è possibile sorvegliare la badante, la colf o la baby sitter.


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna indietro
Copy link
Powered by Social Snap